CIA Agricoltori Italiani di Treviso

Intesa sullo schema di decreto del MIPAAF che ha stanziato 80 milioni di euro per le filiere zootecniche

cia-treviso-dichiarazione-latte
Agronomico / CAA / Home / News

Intesa sullo schema di decreto del MIPAAF che ha stanziato 80 milioni di euro per le filiere zootecniche

Nel corso della Conferenza Stato Regioni del 7 luglio 2022 è stata sancita l’intesa sullo schema di decreto del MIPAAF che ha stanziato 80 milioni di euro per le filiere zootecniche colpite dall’aumento dei costi delle materie prime, dal caro energia e dalle conseguenze dirette e indirette del conflitto in Ucraina.

 

Questi i comparti interessati: suini, vitelli fino ad 8 mesi allevati per almeno 4 mesi in Italia, bovini di razze autoctone, ovi-caprini, conigli, galline ovaiole, tacchini, polli da carne e le imprese di trasformazione avicola.

 

E’ previsto uno specifico contributo a capo, previa presentazione di apposita domanda da parte dell’allevatore all’AGEA, dobbiamo ovviamente attendere le varie aperture dei moduli e molto probabilmente come è già successo per le precedenti domande, ci verranno forniti gli elenchi delle domande già precaricate.

 

Di seguito vi riporto gli stanziamenti che al momento dovrebbero essere disponibili per singolo comparto:

 

  • Filiera suinicola: 35 milioni di Euro, di cui 23 per i suini nati, allevati e macellati in Italia dal 1° marzo al 31 maggio 2022 e 12 per le scrofe allevate al 30 giugno 2022;
  • Vitelli allevati almeno 4 mesi in Italia e macellati dal 1° aprile al 31 maggio 2022: 4 milioni di Euro;
  • Bovini razze autoctone: 5 milioni di Euro;
  • Filiera ovi-caprina: 11 milioni di Euro per pecora o capra allevata nel periodo dal 1° aprile al 31 maggio 2022;
  • Filiera cunicola: 3 milioni di Euro per capi macellati nel periodo dal 1° aprile al 31 maggio 2022;
  • Filiera galline ovaiole: 6 milioni di Euro per capi presenti in allevamento nell’ultimo ciclo utile al 30 aprile 2022;
  • Filiera tacchini: 5 milioni di Euro per allevamenti di tacchini con capacità produttiva superiore a 250 capi; aiuto per capo presente in allevamento nell’ultimo ciclo utile al 30 aprile 2022;
  • Filiera polli: 10 milioni di Euro per capi presenti in allevamento nell’ultimo ciclo utile al 30 aprile 2022;
  • Filiera avicola imprese di trasformazione: 1 milione di Euro.

 

Tali aiuti non sono soggetti al Temporary Framework Ucraina che, invece, prevede un limite massimo per azienda di 35.000 di euro.

shares